Centro di Formazione Professionale del Radon

RADON-T, PER NUOVI EDIFICI A PROVA DI RADON

Il Radon-T è l’unico raccordo progettato specificamente per l’installazione di un sistema di rimozione del radon e dell’umidità in fase di realizzazione di una nuova costruzione.

Radon-T by RadonAway

Il Radon-T è all’interno di un kit che include:

➕ Radon-T – raccordo per sistemi di rimozione del radon nelle nuove costruzioni.
➕ 4 picchetti – per stabilizzare il Radon-T in preparazione del riempimento con aggregato e il getto della soletta.
➕ Tappo del tubo di sfiato – impedisce l’ingresso di detriti ed evita la possibilità di scambiare il tubo di sfiato per un tubo di servizio “grezzo”.
➕ Set di etichette di sistema: per contrassegnare chiaramente i tubi di sfiato del sistema radon.

Le seguenti istruzioni forniscono una guida rapida per una corretta installazione del Radon-T.

✔️PRIMA DI GETTARE LA SOLETTA
Installazione del Radon-T

1- Nella posizione individuata per il posizionamento del tubo di aspirazione del radon, posizionare il Radon-T su una superficie grezza piana.
a-Per un flusso d’aria a 4 vie, ritaglia i lati del Radon-T lungo le rientranze.

        b-Se si sta installando un sistema ad anello di tubi forati ad anello, ritagliare una piccola sezione superiore del tubo (circa 4 ½” x 6″) in corrispondenza del Radon-T modo che il foro sia in corrispondenza dell’uscita del Radon-T dove andrà posizionato il tubo di aspirazione.

2- Utilizzando i picchetti in dotazione, fissare il Radon-T a terra.

3- Incolla nel Radon-T un tubo in PVC (diametro 10 cm) con una lunghezza tale da consentirgli di estendersi di almeno 15 centimetri sopra il getto della soletta.
4- Inserire il tappo in dotazione con il Radon-T nella parte superiore del tubo in PVC. Non incollare!

5- Conservare le etichette in dotazione di contrassegno del tubo di sfiato per le tubazioni future.

Preparazione del sito
1- Stendere uniformemente uno strato di aggregato pulito per uno spessore di almeno 10 centimetri. L’aggregato dovrebbe avere dimensioni per passare attraverso un setaccio da 5 centimetri ma non attraverso un setaccio da 1 centimetro. (Laddove la ghiaia non sia disponibile, sostituire con uno strato di sabbia da 10 centimetri coperto da un materassino drenante in geotessile).
2- Posare una barriera per l’umidità sopra l’aggregato. La barriera dovrebbe coprire l’intera superficie del pavimento e le intersezioni dovrebbero avere una sovrapposizione minima di 30 centimetri.

✔️DOPO LA GETTATA
1- Riempi tutte le grandi aperture nella soletta. Sigilla il perimetro e tutti i giunti nel calcestruzzo, tappa le aperture dei pozzetti. Gli scarichi a pavimento devono essere intrappolati o indirizzati alla luce del giorno con un tubo non perforato.
2- Rimuovere il tappo Radon-T. Collegare e incollare il tubo di scarico in PVC con i raccordi in PVC appropriati.
3- Instradare il tubo di sfiato del radon in PVC attraverso la struttura.


💭 Promemoria di progettazionea. Il percorso dei tubi dovrebbe essere il più rettilineo possibile. Cerca di evitare angoli di 90°.b. Evitare le “trappole” nelle tubazioni in modo che la condensa possa defluire nel terreno.c. In caso di impianto di scarico portato in soffitta, lasciare almeno 60 cm di spazio libero attorno al tubo in tutte le direzioni, con accesso all’area per la futura installazione dell’aspiratore.d. La terminazione del tubo deve estendersi di almeno 30 centimetri sopra la superficie del tetto e distante ad almeno 3 metri da porte e altre aperture (inclusi lucernari azionabili).

4- Installare una presa elettrica cablata accanto alla posizione prevista per l’aspiratore radon.
5- Apporre al tubo un’etichetta radon in dotazione, ad ogni livello della struttura (es. seminterrato, primo piano, ecc.). Assicurarsi che le frecce del flusso d’aria sulle etichette puntino nella direzione in cui si muove il flusso d’aria.

 

Fonte: RadonAway.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.